Lun-Mar solo bar 16-19:30  Mer - Ven dalle 16 alle 22  Sabato e prefestivi dalle 11 alle 23  Festivi e Domenica dalle 11 alle 19:30 

Il Parco

Il Parco Villa De Riseis, gestito dalla nostra Cooperativa
Pin It

Il giardino terapeutico

“Healing garden”

Nello spazio prospiciente il campo da calcetto sono iniziati i lavori per una area verde progettata dal nostro amico architetto Federico Fernandez, al fine di favorire il benessere psicofisico di visitatori “speciali”.
L’input iniziale ci è stato offerto dalla Univet di Brescia Azienda italiana leader nel settore della progettazione e produzione di dispositivi per la protezione individuale degli occhi nei settori industriale, medicale e laser e di sistemi ottici ingrandenti destinati alla chirurgia ed all’odontoiatria. Così grazie al nostro cliente-supporter Alessandro Rasetta Training In-Outdoor, Consulting Coaching and Counseling è partito un team building veramente speciale.

 

Univet For Il Sogno di Aurora

Today we want to tell you a story about a charity project whose values have always been Univet’s core values. Our mangers, as a delegation of the whole team, took the challenge to realize a sensorial garden for the Alzheimer: the project, which had been forgotten for a too long time, is now coming back to life. We started from the idea to build a path because we know that looking for you own way it’s the first step to reach great goals and because we know that there are no limits in this life, they are only in our minds. But we are only at the beginning and we can’t wait to work hard to make the garden the amazing place that it deserves to be! Stay tuned, we’ll soon tell you more about it.

Pubblicato da Univet - Optical Technologies su Venerdì 27 ottobre 2017


Nell’area è prevista una orticultura accessibile anche per disabili in sedia a rotelle, la realizzazione di un piccolo orto con finalità di recupero sociale di soggetti normodotati e diversamente abili. Il recupero e la diffusione di conoscenze e tecniche naturali di coltivazione che facilitano occasioni di incontro e che permettono lo sviluppo di iniziative ricreative, culturali e sociali. I benefici degli healing gardens possono essere molteplici: la riduzione dello stress, la riduzione dei costi delle cure, l’aumento dell’autonomia, il miglioramento dell’umore e della qualità globale della vita.

“Il giardino della memoria”

All’interno dell’Healing garden sarà progettato e si fonderà con esso in un tutt’uno, il “giardino della memoria”. Uno spazio che tenga conto delle diverse capacità motorie, sensoriali e percettive degli ospiti affetti da Alzheimer e che ne consenta la fruizione autonoma ma in condizioni di sicurezza. Saranno predisposte aree di sosta alcune pensate per incontri con altri ospiti altre per momenti di isolamento in cui le persone affette da demenza talvolta si rifugiano nel tentativo di difendere un proprio spazio.
Nella vegetazione saranno privilegiati alberi stagionali che stimolano l'osservazione dei cambiamenti delle stagioni, piante odorose per la stimolazione olfattiva, piante con fiori colorati per la stimolazione visiva.

Per favorire attività di giardinaggio, o di manipolazione di piante, fiori, ortaggi, si realizzeranno aiuole/orti sopraelevati (altezza di 90 cm) per rendere agibile l’attività senza doversi piegare. Il rumore dell'acqua che scorre rappresenta un importante stimolo uditivo nell'archivio della memoria, per questo nel giardino è previsto anche un laghetto con una cascata d’acqua, con la possibilità che gli ospiti vi si possano avvicinare in tutta sicurezza.
Pin It

Iscriviti alla nostra Newsletter

});})(jQuery);